QUESTO PORTALE WEB UTILIZZA COOKIES TECNICI Ulteriori informazioni.

Ministero della pubblica amministrazione

logo

MINISTERO DELL’ISTRUZIONE, DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA
UFFICIO SCOLASTICO  REGIONALE  PER IL LAZIO
Istituto Comprensivo "Via delle Azzorre 314"
Scuola dell’Infanzia- Primaria- Secondaria di I° Grado
Via delle Azzorre, 314 - 00121  Roma  Lido
Sito: www.icviadelleazzorre.edu.it   e-mail Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel.: 06/5633.9756-0656338796   fax: 065695266  C.F. 97202980583
 
 
Roma, 13/10/2021

CIRCOLARE N° 7

 
Ai docenti
dell’IC Via delle Azzorre
Al DSGA
Al personale ATA
Ai genitori degli alunni
Al Sito
 
 
OGGETTO: Comparto Istruzione e Ricerca – Sezione Scuola. Sciopero generale proclamato dal 15 al 20 ottobre 2021dall’Associazione Sindacale F.I.S.I.
                   Adempimenti previsti dall’Accordo sulle norme di garanzia dei servizi pubblici essenziali del 2 dicembre 2020 (Gazzetta Ufficiale n. 8 del 12 gennaio 2021) con particolare riferimento agli artt. 3 e 10..
 
Come le SS.LL. avranno già appreso tramite la consultazione della sezione “Diritto di sciopero” del sito web del MIUR raggiungibile all’indirizzo https://www.miur.gov.it/web/guest/diritto-di-sciopero , l’Ufficio Gabinetto del MI con nota prot AOOUFFGAB n. 43553 del 08.10.2021 ha reso noto quanto segue:

“ La Presidenza del Consiglio dei ministri – Dipartimento Funzione Pubblica – con nota DFP-65695-P-05/10/2021, ha comunicato allo scrivente Ufficio che l’Associazione Sindacale F.I.S.I. _ Federazione Italiana Sindacati Intercategoriali – ha proclamato “lo sciopero generale di tutti i settori pubblici e privati ad oltranza dalle ore 00,00 del 15 ottobre 2021 alle ore 00,00 del 20 ottobre 2021”.
A tal riguardo, la Commissione di Garanzia, con indicazione immediata ai sensi dell’articolo 13, comma 1, lett. d) della legge n. 146 del 1990, del 6 ottobre u.s., pos. 1169/21, ha ritenuto non ricorrenti nello sciopero di specie i presupposti di cui all’articolo 2, comma 7, della legge n. 146 del 1990, osservando altresì come il medesimo, per come formulata la proclamazione, non potesse essere qualificato come generale, bensì “come astensione coinvolgente una pluralità di settori”.
Richiamando, pertanto, la propria delibera n. 09/619, adottata nella seduta del 14 dicembre 2009, in tema di rarefazione oggettiva, secondo la quale, in caso di scioperi riguardanti una pluralità di settori, deve essere rispettato un intervallo oggettivo minimo di dieci giorni tra la data di effettuazione dello sciopero intercategoriale e le date di effettuazione degli scioperi di ambito minore, al fine di evitare un’incidenza sulla continuità del servizio, la
Commissione di Garanzia ha indicato in via d’urgenza il “mancato rispetto della regola della rarefazione oggettiva, ai sensi dell’articolo 2, comma 2, della legge n. 146 del 1990 e successive modificazioni”, invitando il F.I.S.I. a revocare lo sciopero proclamato dandone comunicazione alla stessa entro cinque giorni dalla ricezione del provvedimento.
Inoltre, la Commissione di Garanzia ha fatto presente che, trattandosi di sciopero riguardante una pluralità di settori, lo stesso è soggetto alle disposizioni in materia di limiti di durata previsti dalle singole discipline di settore, nonché a quelle in materia di divieto di concomitanza tra astensioni riguardanti servizi alternativi, affermando conseguentemente la non conformità dello sciopero in oggetto alle richiamate disposizioni.
A seguito dell’indicazione immediata della Commissione di Garanzia, con nota dell’8 ottobre 2021, registrata in ingresso in pari data, con prot. AOOGABMI n. 43446, la Federazione italiana sindacati intercategoriali (F.I.S.I) ha comunicato la conferma dello sciopero generale dal 15 ottobre al 20 ottobre 2021, specificando come lo stesso sia da configurarsi generale, nonché ricadente nella fattispecie di cui all’articolo 2, comma 7, della legge n. 146 del 1990.”.
 
 
                                                                                                                                                                                                                 Il D.S. Prof.ssa Milena Nari